Teresa che avrà 100 anni domani.

Teresa è nata nel 1911, e fra pochi giorni avrà 100 anni, il 10 febbraio per la precisione. Teresa non se lo poteva mica immaginare, che sarebbe arrivata a vedere il mondo 2.0; invece eccola qui, circondata da gatti nipoti e amici che la ritraggono usando compatte di ultima generazione e poi la postano sorridente e soddisfatta sui social network, scambiandosi commenti in tempo reale con i cugini che salutano dall’Argentina. E’ nata mentre si celebrava il cinquantesimo dell’Unità d’Italia, nello stesso anno vennero al mondo Jean Harlow, Ginger Rogers, Vincent Price e Ronald Reagan mentre la nazionale italiana, il 6 gennaio, giocava la prima partita in maglia azzurra. Teresa è solo una fra i tanti: i centenari, in Italia, non sono certo una rarità e se ne contano quasi quindicimila (fonte Censis) di cui gran parte sostanzialmente in buona salute e alcuni addirittura ancora praticanti una qualche attività sportiva. Lei di cognome fa Cogito, Tersa Cogito: che sia stato questo cognome bene augurante a farle mantenere vivacità di pensiero e curiosità per il domani? Una ricerca italiana della Fondazione Santa Lucia ha infatti dimostrato che nelle persone più abituate a concentrarsi, a studiare, c’è una sorta di “riserva neuronale” in più che torna utile, eccome, nella terza età.

Agli intervistatori del Censis i centenari italiani hanno però confessato una certa sensazione di isolamento e parecchi hanno detto di sentirsi un peso per figli e nipoti, già affannati e trafelati dalla vita di tutti i giorni. Già, la qualità della vita, l’incognita di fronte alla quale si fermano geriatri e sociologi incapaci di stabilire cosa possono aspettarsi gli over 85 attuali, o peggio ancora, i sessantenni di oggi. Questo mentre i nati nel 2010 hanno come prospettiva di vivere circa un secolo, ipotesi che solo pochi decenni fa sarebbe stata degnamente accolta solo dalla collana Urania. Un sistema sanitario complessivamente…. (leggi l’articolo)

Clic Medicina

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Salute. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>